Il "decalogo" dell'agenzia di pubblicità secondo Paul Foley

venerdì 10 novembre 2006 ·

Questo piccolo “decalogo” è rimasto per molti anni inedito (e dimenticato). Lo scrisse nel 1978 Paul Foley,uno dei migliori professionisti nella storia della pubblicità mondiale, e anche una persona di grande valore culturale e umano; un ottimo copywriter, che alla fine della sua lunga carriera fu per nove anni presidente del gruppo Interpublic. Scritto e pensato per “uso interno” in un’agenzia di pubblicità, contiene valori significativi anche per altre attività umane.

Uno
Il cliente finale è il Consumatore; se lo perdi, tutto è perduto.

Due
Presto o tardi tutti i problemisono problemi “creativi”.

Tre
Fidati delle parole semplici e della semplice aritmetica.

Quattro
Non fidarti delle parole complicate e di continue affermazioni di tranquillità.

Cinque
Diffida della gestione per totale sorpresa.

Sei
Spesso le riunioni numerose servono per suddividere la colpa.

Sette
È facile ottenere un voto unanime per non fare e non decidere.

Otto
Si possono produrre ottimi film pubblicitari entro 100 chilometri da casa.

Nove
Quasi tutti danno poco valore a ciò che non sanno fare.

Dieci
È difficile costruirsi una riserva di benevolenza. La malevolenza, si – ma la benevolenza ricomincia daccapo ogni mattina alle 9.

4 commenti:

copy-free ha detto...
8:00 PM  

Illuminante. Da appendere alle pareti degli uffici al posto dei riconoscimenti (inutili).

markettara ha detto...
9:21 PM  

Sinceramente non ho mai creduto nelle "regole" di quella corrente della pubblicità definita "scientifica"... ma devo ammettere che spesso i valori comunicati sono significativi (come in questo caso).

Penso, comunque, che i creativi di quell'epoca (in maggioranza copy) siano stati dei grandi nel prendere così sul serio la loro professione e se stessi... Traspariva un'immagine della pubblicità, sì giocosa e "creativa", ma anche metodologica (forse non è il termine giusto)... nel senso che il lavoro di "pubblicitario" veniva considerato un lavoro VERO in cui nulla è dato al caso. Oggi, purtroppo, non è la stessa cosa e la massa equipara spesso la "creatività" alla "fantasia"...

leonardo de nardis ha detto...
12:08 AM  

non c'è che dire la pubblicità odierna ha subito un grande mutamento a discapito molto spesso della qualità; oggi non è più la qualità che conta ma chi la crea putroppo.

markettara ha detto...
8:59 PM  

D'accordissimo con te. Proprio pochi giorni fa ragionavo con alcuni colleghi di questo... Il "nome" produce molto più della qualità. E le idee ed i lavori di agenzie piccole (con budget minimali) sono sempre più spesso migliori di quelli dei big. Purtroppo.

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Servizio di Consulenza online

Piu' visibilita' alla tua azienda, piu' business, comunicazione più efficace, web advertising, web agency, marketing non convenzionale, blog developer, social network marketing, web usability, action reactivity, urban comunication, outdoor advertising, digital printing, truck-vertising, market research. Skype Me™!

Sponsor Crazy Marketing Blog

My BlogLog community

Sponsor Crazy Marketing Blog

Licenza Creative Commons

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita; non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Non si ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Le immagini inserire in questo blog sono tratte, per la massima parte, da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo.

Creative Commons License