Wikipedia: pubblicità o non pubblicità?

giovedì 5 gennaio 2006 ·

Per la celebre enciclopedia sembrava essere un'eresia avere pubblicità sul proprio canale web.
Dopo tutto sono gli stessi numeri dell'impresa di conoscenza collettiva più popolare del web a lasciare spazio alle tentazioni (ben 2,5 miliardi di page view al mese).

Dopo aver rifiutato, a quanto pare, diverse richieste di inserimenti pubblicitari sembra che Wikipedia abbia seriamente preso in analisi il fatto.

Per la soluzione al dilemma si dovrà attendere ancora un pò!!

1 commenti:

Motore di Schietti ha detto...
1:22 PM  

Un interessante articolo del solito Schietti in tema con politically and culturally correct:

Wikipedia e ingegneri scientisti

Wikipedia la peggiore enciclopedia del mondo

Con internet la cultura è diventata di tutti. C'è stato un rimescolamento. Chiunque può dare e ricevere informazioni. Ma qualcuno vanamente sta cercando di rientrarne in possesso personale per scopi alquanto dubbi.

Google è sicuramente il caso più conosciuto e dibattuto, ma sicuramente anche Wikipedia ci sta mettendo del suo e non a caso si sta alleando sempre di più Google allineando i suoi contenuti all'ideologia del Millennium Act.

Wikipedia viene pubblicizzata come un enciclopedia fantastica, la casa del sapere e della cultura mondiale, quanto di più vicino esista alla verità universale perchè scritta con un punto di vista neutrale e fatta in modo che chiunque possa aggiungerci liberamente contenuti.

Ma è così? Wikipedia è un enciclopedia libera in cui sono raccolte esposizioni di ogni tema da tutti i punti di vista possibili dando voce neutralmente ad ogni aspetto proposto da chiunque?

No, Wikipedia in pieno rispetto dell'ideologia evolutiva americana della lotta competitiva per la sopravvivenza dà voce a chi ha il coraggio ogni volta di reinserire i propri contenuti cancellati da altri.

Wikipedia non è un enciclopedia, è un terreno di battaglia dove si combatte per mantenere on line alcuni punti di vista, alcuni links, alcune verità a discapito di altre.

Appena viene inserito un punto di vista che potrebbe in qualche modo dissentire con il punto di vista di qualcun altro subito interviene qualcuno a cancellare e modificare.

E non si possono mettere neanche link verso siti che trattano i temi in altre forme, perchè i link ammessi sono solo quelli ideologicamente affini. Gli altri vengono rapidamente cancellati.

Mi si di dirà che non è vero, che sono esposti neutralmente tutti i punti di vista. Ma i punti di vista non sono solo quei due o tre esposti regolarmente su Wikipedia a discapito degli altri.

Su Wikipedia si cerca di far passare come verità assoluta la loro verità ideologica che poi non è altro che ilo solito e banale conquistare il mondo attraverso la conquista ed il monopolio della cultura e l'imposizione di una certa visione del mondo con la violenza a discapito delle altre.

Ben diverso sarebbe se all'interno di ciascuna voce ognuno potesse lasciare un proprio contenuto e l'enciclopedia fosse quindi fatta da decine e decine di esposizioni e links diversi in cui poter navigare e cercare.

Ma così sareebbe evidentemente come in internet quando si inserisce una voce all'interno di un motore di ricerca ed appaiono milioni di siti che trattano l'argomento in maniere inverosimilmente diverse.

Ed è esattamente questa la verità universale: la libertà, la neutralità.

Wikipedia non è un'enciclopedia seria, non riporta nessuna particolare verità che non sia trovabile altrove, non usa nessun tipo di punto di vista neutrale, non è liberamente utilizzabile da tutti, ma è uno squaliddo monopolio di alcuni prepotenti che im pongono il propio punto di vista nella speranza vana di impossessarsi della cultura.

Un progetto inutile che non raggiungerà mai il suo vero scopo.

Wikipedia è una gran perdita di tempo e denaro: la peggiore enciclopedia del mondo.

Basta con le ideologie ed i conquistatori del mondo: la cultura è di tutti e deve essere fatta da tutti, non ci interessa la cultura preconfezionata, non ci interessano le verità di comodo esposte correttamente: culturally correct, bleah!

------

Consegnati 25 Motori di Schietti: attenzione è iniziata la rivoluzione"
http://domenico-schietti.blogspot.com/

Ribadiamo nuovamente che ognuno deve costruirsi clandestinamente il proprio modello di Motore di Schietti funzionante e crearne copie da distribuire segretamente ad amici fidati

Non fate vedere prototipi!

Se vi è stato dato un Motore di Schietti non parlatene a nessuno!

Si uscirà allo scoperto solo quando i giornali e le televisioni non parleranno di altro e in tutti i negozi sarà possibile acquistare un Motore di Schietti abbinato ad una Serpentina.

Non mettete a repentaglio la vostra vita inutilmente, stiamo combattendo contro un nemico potentissimo, che non conosciamo e che non è disposto a trattare ed ad essere aiutato.

Non sappiamo perchè i nemici dell'umanità non ci lascino dare acqua ed energia gratis, ma noi abbiamo deciso di darla lo stesso!

"Come costruirsi un Motore di Schietti "

Il Motore di Schietti sfrutta la pressione atmsosferica attraverso il principio dell'acqua che risale nei pozzi attratta dal vuoto.

Risucchiando aria con una semplice pompa, si riesce a far risalire l'acqua fino a dieci metri.

Con lo sforzo di risucchiare aria, avete sentito bene, si può risucchiare acqua fino a dieci metri.

A quel punto basta lasciarla cadere e sfruttare con una turbina idroelettrica l'energia prodotta. Il lavoro utile è enorme.

Per confutare il funzionamento del Motore di Schietti versione a pressione atmosferica si dovrebbero addurre queste prove:

a) che l'acqua nei pozzi non risale di dieci metri attratta dal vuoto a causa del peso dell'aria che esercita la pressione di 1 bar (horror vacui, Torricelli)

b) Che pompare acqua da un pozzo alto dieci metri richieda cento volte più forza che pomparla da dieci cm e non invece la stessa forza

c) che l'acqua cadendo da dieci metri eserciti la stessa forza che cadendo da dieci cm

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Servizio di Consulenza online

Piu' visibilita' alla tua azienda, piu' business, comunicazione più efficace, web advertising, web agency, marketing non convenzionale, blog developer, social network marketing, web usability, action reactivity, urban comunication, outdoor advertising, digital printing, truck-vertising, market research. Skype Me™!

Sponsor Crazy Marketing Blog

My BlogLog community

Sponsor Crazy Marketing Blog

Licenza Creative Commons

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita; non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Non si ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Le immagini inserire in questo blog sono tratte, per la massima parte, da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo.

Creative Commons License