Vodafone Omnitel contro H3G

sabato 4 febbraio 2006 ·

IAP Fonti autorevoli, l'IAP (Istituto dell'Autodisciplina Pubblicitaria), comunicano l'ennesima operazione di controllo nei confronti della società di telefonia mobile H3G spa.


A quanto pare la guerra fra titani è sulla realizzazione degli spot pubblicitari che Tre avrebbe pubblicizzato non mantenendo quella che viene comunemente denominata l'etica professionale.
In una pronuncia del 16.12.2005 la società Vodafone Omnitel denuncia la società H3G che nel prodotto offerta "Strepitoso Natale Tre" con il messaggio pubblicitario televisivo"...se passate a Tre mantenete il vostro numero, il videofonino vi costa massimo 9 euro...Al massimo, mica a partire da ........ come .............." avrebbe violato le regole. Il Giurì, esaminati gli atti e le parti ha dichiarato che la pubblicità in esame non era conforme all'Art.2 del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, e ne dispose la cessazione; dispose inoltre che della decisione venga data notizia al pubblico mediante la pubblicazione sul Corriere della Sera a spese della parte ricorrente.

Questo invece è quanto accaduto pochi giorni fa.

Logo Vodafone Logo H3G











Il 30 Gennaio 2006, sempre la società Vodafone Omnitel si pronuncia contro H3G: la società Vodafono Omnitel avrebbe denunciato l'offerta del videofonino "Motorola RAZR V3x" con il messaggio pubblicitario televisivo "passa a 3 e prendi un Motorola V3x a 49 euro". Anche stavolta il Giurì esaminati gli atti e sentite le parti ha dichiarato che la pubblicità in esame non è conforme all'Art. 2 (lo stesso della volta precedente...!!) del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria, e ne dispone la cessazione.

L'articolo 2 dice esattamente quanto segue:
ART. 2: Pubblicità ingannevole
"La pubblicità deve evitare ogni dichiarazione o rappresentazione che sia tale da indurre in errore i consumatori, anche per mezzo di omissioni, ambiguità o esagerazioni non palesemente iperboliche, specie per quanto riguarda le caratteristiche e gli effetti del prodotto, il prezzo, la gratuità, le condizioni di vendita, la diffusione, l'identità delle persone rappresentate, i premi o riconoscimenti."

Fonte: IAP

4 commenti:

Pier Luca Santoro ha detto...
12:00 AM  

Ciao Leonardo,
le compagnie telefoniche non sembrano avere eguali [se escludiamo finanziarie e banchieri] nella scorrettezza delle loro azioni promo-comunicazionali.
La lorocomunicazio è, comunque, dirompente la diffusione della scorrettezza della stessa molto meno; fossi dello IAP ci rifletterei.
Un abbraccio

leonardo ha detto...
4:16 PM  

Mi trovi pienamente d'accordo.
Il problema è che, visto che solo i grandi stanno facendo da padroni nella comunicazione, non trovano ostacoli nelle loro campagne, e si trovano di conseguenza ad agire come meglio credono.
In merito allo IAP non possono far altro che interrompere le campagne invece di prendere delle azioni più incisive.

Pier Luca Santoro ha detto...
3:22 PM  

Inserire nella "sanzione" obbligare alla pubblicazione della sentenza sui principali quotidiani nazionali non potrebbe eessere un idea per lo IAP?

leonardo ha detto...
6:39 PM  

Se non sbaglio sono già obbligati a farlo, ma come puoi constatare è una notizia che passa inosservata....

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Servizio di Consulenza online

Piu' visibilita' alla tua azienda, piu' business, comunicazione più efficace, web advertising, web agency, marketing non convenzionale, blog developer, social network marketing, web usability, action reactivity, urban comunication, outdoor advertising, digital printing, truck-vertising, market research. Skype Me™!

Sponsor Crazy Marketing Blog

My BlogLog community

Sponsor Crazy Marketing Blog

Licenza Creative Commons

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita; non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Non si ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Le immagini inserire in questo blog sono tratte, per la massima parte, da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo.

Creative Commons License