Thanks Facebook!

domenica 7 dicembre 2008 ·

Quest'articolo evade dai soliti schemi di pubblicazione ma vuol essere un piccolo ringraziamento alla mia community di Facebook. Personalmente non sono d'accordo con chi punta il dito su Facebook e questi sono i miei motivi:
  • credo nel potere della comunicazione
  • credo nel forte valore del web come nuovo strumento
  • credo che spetti all'intelligenza delle persone farne buon uso
  • credo che accorciare le distanze tra comunicatore e utente sia semplicemente geniale
  • credo nel potere del web per il business del nuovo millennio
  • credo che Facebook rappresenti un trampolino di lancio nella nuova comunicazione
  • credo che sviluppare piattaforme come Facebook possa portare ad un'informazione migliore
  • credo nel web come mezzo per avvicinare persone lontane
  • credo in Facebook come mezzo Low Cost di promozione e comunicazione
  • credo in Facebook perchè mi ha dato la possibilità di comunicare con persone che non avrei avuto altro modo di conoscere
  • credo che Facebook sia un'idea che porterà gli utenti a perfezioanre l'uso di Internet
  • credo nel potere dei social network perchè consentono una misurazione gratuita dei propri contatti
  • credo in tutto ciò che il web offre per un utilizzo intelligente
  • l'unica cosa che odio di Facebook sono i gruppi "demenziali"! 
Non so a voi ma IO sono arrivato a conoscere 1.000 persone a "COSTO 0"; con molte di queste ho rapporti lavorativi, con molte altre rapporti di amicizia, con altri ancora ci stiamo conoscendo e scambiando opinioni, punti di vista, interessi; tanti altri già li conoscevo e ci siamo ritrovati, così come ho ritrovato vecchi amici di scuola e di vicinato. Sono convinto che se usato con intelligenza, così come tanti altri mezzi del web, si possano sviluppare nuovi concetti di lavoro che fino a pochi anni fa era impensabile solo pernsare!
Pertanto il mio umile consiglio è: "FATENE BUON USO"
TKS FACEBOOK

4 commenti:

ivy phoenix ha detto...
9:52 PM  

anche io non sono preoccupata per tutta questa perdita della privacy che sostengono.. è da molto che non l'abbiamo più.. non al supermercato quando, o ci si fidelizza o niente sconti, non in città con le telecamere di uffici, banche e quant'altro.. non al cellulare, perchè qualsiasi persona può richiedere per qualsiasi futile motivo di localizzarti.. non al telefono perchè uno non può lavorare con tutta calma che, in un pomeriggio riceve chiamate da mobilifici, agenzie di viaggio o altro "spam" vivavoce.. In FB siamo noi a gestire il tutto.. apro quando ho tempo, accetto chi voglio, passo a salutare anche i miei vecchi compagni delle scuole medie, perchè in fondo sebbene li avessi persi di vista per tanti anni mi ha fatto piacere ritrovarli.. ma progetto anche occasioni lavorative con i colleghi di master e stage.. e li ho tutti in una sola videata!!! Certo, prima nel mondo dei blog, uno poteva fingere e crearsi una identità alternativa e ora con fb diventa quasi improponibile ma, mi pare un vantaggio invece che uno svantaggio.. il "diritto a mentire e a fingersi altro on line" non mi pareva una grande cosa nè un indice di maturità personale.. fb costringe ad un nuovo tipo di educazione sociale proprio perchè è un nuovo mezzo.
Anche del cellulare ai suoi arbori, se ne diceva peste e corna, era un "aggeggio" invasivo, che ledeva la tua libertà perchè eri sempre rintracciabile etc.. Così è per fb.. personalmente credo che a breve non se ne potrà fare a meno

enrico ha detto...
11:56 AM  

http://it.youtube.com/watch?v=RE4dEGRrXpo
guardate questo video...adesso tutti si mettono a fare video virali...
ecco quando si esagera.

iulian zaharia ha detto...
9:19 PM  

io sono rumeno. la lingua italiana non e uno punto forte di me. :) io credo che il servizio di blogger e uguale da facebook perche io ho trovato questo blog cercando li fans de cesky sen. tu sei uno.

grazie!

Augusta ha detto...
11:35 AM  

A proposito di Facebook: ho appena letto di questa iniziativa che riguarda il suo “significato” che mi ha colpito moltissimo, ve la descrivo: Burger King ha lanciato una nuova campagna di marketing chiamata “Whopper Sacrifice“, per pubblicizzare la sua ultima creazione culinaria, chiamata appunto Angry Whopper.
Il funzionamento è semplice: il cliente della catena di fast food scarica un software creato ad hoc per Facebook; una volta avviato l’applicativo viene chiesto all’utente di deselezionare 10 amici tra quelli presenti nella sua lista di conoscenti nel social network. In cambio, riceverà un buono che darà lui il diritto di ottenere gratuitamente il nuovo hamburger di Burger King.
Questo significa che gli amici “sacrificati” dall’utente dell’applicazione preparata da Burger King riceveranno un messaggio nel quale verrà loro comunicato di esser stati abbandonati e preferiti ad un hamburger gratuito… L’idea alla base della campagna è semplice: Facebook si sta trasformando in un campo competitivo nel quale si fa a gara per avere il maggior numero di amici. Quanti farebbero lo stesso sacrificio? Non vi sembra inaugurare una direzione con risvolti sociali forti?

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Aggiungi questo blog ai tuoi feed!

Servizio di Consulenza online

Piu' visibilita' alla tua azienda, piu' business, comunicazione più efficace, web advertising, web agency, marketing non convenzionale, blog developer, social network marketing, web usability, action reactivity, urban comunication, outdoor advertising, digital printing, truck-vertising, market research. Skype Me™!

Sponsor Crazy Marketing Blog

My BlogLog community

Sponsor Crazy Marketing Blog

Licenza Creative Commons

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita; non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Non si ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. Le immagini inserire in questo blog sono tratte, per la massima parte, da internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarlo.

Creative Commons License